< Torna Indietro

Coniglio alla cacciatora

Il coniglio alla cacciatora è un piatto tipicamente italiano, che troviamo lungo tutto lo stivale, la cosiddetta ricetta della nonna che ci riporta indietro ai sapori dell’infanzia e dei pranzi in famiglia.
Se siete pronti a fare un piccolo viaggio nel tempo e riportare in auge il gusto di questo piatto in famiglia o tra i vostri ospiti, proseguite nella lettura e se lo stomaco sta iniziando a brontolare, non preoccupatevi, è una reazione piuttosto normale.

Ingredienti

  • 800 g di coniglio a pezzi
  • 200 ml di brodo vegetale
  • 550 g di pomodori pelati
  • 100 g di cipolle dorate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 rametti di rosmarino
  • 2 foglie di alloro
  • 50 g di olio extravergine di oliva
  • farina q.b. per infarinare i pezzi di carne
  • pepe nero q. b.
  • sale q. b.

Procedimento

Tutto comincia dal brodo vegetale: mettetelo sul fuoco. Poi lavate accuratamente in ogni loro parte i pezzi di coniglio sotto l’acqua fresca corrente e asciugateli con cura. Versate l’olio in un tegame antiaderente dai bordi alti e fatelo riscaldare. Tagliate poi la cipolla a julienne e fatela rosolare assieme allo spicchio d’aglio nel tegame con l’olio.

Aspettiamo che la cipolla assuma un colore ambrato e poi procediamo con l’aggiunta dell’alloro del rosmarino, preventivamente lavati e asciugati. Ora infarinate per bene i pezzi del coniglio, ricoprendoli interamente e riponeteli nel tegame con olio, cipolla, aglio, alloro e rosmarino. Lasciateli a fuoco vivo per 10 minuti circa, provvedendo a mescolarli di continuo per non farli bruciare. A rosolatura terminata, noterete una leggera crosticina, aggiungete sale e pepe.

Sfumate il tutto con il vino dopo aver tolto l’aglio e aggiungete i pomodori, schiacciandoli leggermente con la forchetta. La cottura d’ora in poi procederà a fuoco lento per circa 50 minuti, con l’aggiunta di tanto in tanto di mestoli di brodo. È importante continuare a mescolare il tutto per evitare che lo spiacevole “incidente” della carne attaccata al fondo del tegame. Il vostro coniglio alla cacciatora è perfetto per essere portato a tavola e gustato quando la salsa è densa e la carne morbida.

Questo piatto va mangiato appena pronto o conservato in frigo al massimo per un giorno, in un contenitore chiuso ermeticamente.

Buon appetito!

Per realizzare questa ricetta abbiamo usato: